domenica 29 marzo 2009

frame

Sciolta, come neve al sole, quella parte che voleva urlare e affilare le lame contro il mio male…
Non c’è rimedio al dolore, negli occhi di nessuno.
Non c’è rimedio a me, che mi insinuo fra le pareti dell’anima come catrame e sporco questo tempo che non tornerà più indietro…
Pugnalo i sorrisi e coloro di porpora i miei giorni.
Semino sbagli e raccolgo sconfitte… in un giardino di rose io sono spine.

4 commenti:

  1. molto bella ma triste mi inchino alla tua bravura ciao bacio sogni viola.

    RispondiElimina
  2. non ho sogni di tristezza da regalarti
    non ho primavere da dimenticare, solo un caldo sole nascosto tra i miei pensieri che tra i fiori e le rose non paventano sconfitte, ma solo sorrisi d'una neve bianchissima....

    RispondiElimina
  3. Sofferta ma bellissima. Complimenti

    RispondiElimina
  4. Non c'è rimedio al dolore...
    e allora perchè non raccogliere le spine?
    Le rose verranno di conseguenza.

    RispondiElimina